I delitti della salina di Francesco Abate

Diretta Instagram tra la libraia Antonella e Francesco Abate sul profilo @antonellaecristinalibraie

  15:00
Ubik Rivoli
Via Fratelli Piol 37/D, 10098 Rivoli (TO), Italia

I delitti della salina

Abate Francesco

Einaudi (2020)
18,00 €
 9788806212827
Quando una delle sigaraie - le manifatturiere del tabacco - va a chiederle aiuto, Clara Simon non sa che fare. È una bella ragazza, con quegli occhi a mandorla ereditati dalla madre, una cinese del porto che, nonostante le differenze di classe, aveva sposato il capitano di marina Francesco Paolo Simon. Poi però è morta di parto e il marito è finito disperso in guerra. Così, Clara vive con il nonno, uno degli uomini più in vista di Cagliari, e lavora all'«Unione», anche se non può firmare i pezzi: perché è una donna, e soprattutto perché in passato la sua tensione verso la giustizia e il suo bisogno di verità l'hanno messa nei guai. Ma la sigaraia le spiega che i piciocus de crobi, i miserabili bambini del mercato, stanno scomparendo uno dopo l'altro e, di fronte alla notizia di un piccolo cadavere rinvenuto alla salina, Clara non riesce a soffocare il suo istinto investigativo. Grazie all'aiuto del fedele Ugo Fassberger, redattore al giornale e suo amico d'infanzia, e al tenente dei carabinieri Rodolfo Saporito, napoletano trasferito da poco in città e sensibile al suo fascino, questa ragazza determinata e pronta a difendere i più deboli attraversa una Cagliari lontana da ogni stereotipo, per svelarne il cuore nero e scellerato.
@leggereconleggerezza
22 ottobre 2020
Già dal titolo si evince che Francesco Abate questa volta ci ha voluto proporre una novità, un giallo.  Sullo sfondo della sua Cagliari del 1905 ci porterà ad indagare assieme a Clara Simon, alla scomparsa di alcuni bambini, più precisamente i piciocus de crobi,  i miserabili bambini del mercato. 🔹️ Ho notato che ultimamente i noir si sono tinti di rosa. Sono sempre più presenti nuove figure femminili investigatrici. Da Teresa Battaglia della Tuti a Sandra Vega di Donato Carrisi, giusto per nominarne due che ho letto recentemente, ma queste detective donne si sono fatte strada negli anni anche grazie a figure importanti come Miss Marple di Agata Christe o a Erika Falck della Lackberg. Il nuovo personaggio che Francesco Abate ci ha proposto si chiama Clara Simon, e mi ha già conquistata.  Clara Simon è una giornalista con un istinto investigativo impossibile da tenere a freno e con tutte le carte in tavola per diventare una nuova figura femminile nell'ambito dei noir. Clara è una bellissima ragazza mezzosangue, con dei graziosi occhi a mandorla ereditati dalla madre cinese ma con un forte attaccamento alla sua terra di origine ereditato da suo padre sardo. Purtroppo, la madre morì di parto mentre il padre, capitano della marina, è stato dichiarato disperso in guerra. A causa dei tragici eventi capitati ai suoi genitori, fin da piccola vive con il nonno, una figura molto di rilievo nella città di Cagliari.  Clara diventerà giornalista dell'Unione Sarda e prima donna della Sardegna a ottenere un posto di questo rilievo. Clara ha un carattere ribelle e coraggioso, è dalla parte dei proletari, dei diseredati e si da fare contro l'ingiustizia . La sua caparbietà però, in passato le causò dei danni a livello lavorativo. Infatti la smania di voler far venire a galla una verità che non a tutti era piaciuta, la portò a essere declassata professionalmente,  finendo in un sottoscala a correggere le bozze di due rubriche di scarso valore. Messa alla gogna, sarà  anche vittima di isolamento sociale, ormai il mondo l'aveva marchiata come reietta. La sigaraia Sarrana, sua amica, si presenterà a lei a chiederle aiuto per la scomparsa di un bambino del porto. Non passa molto che la tranquillità della città di Cagliari è improvvisamente spezzata dal ritrovamento di un cadavere di un bambino presso le saline del porto. Clara assieme al suo collega Ugo e al tenete Rodolfo faranno gruppo per poter indagare sui fatti appena avvenuti. A lei si presenta una opportunità di rivalsa, Clara però non può commettere un'altro errore, quest'ultimo potrebbe essere una ragione per farla precipitare definitivamente. Dietro al giallo si cela una profonda analisi  che tocca anche gli atteggiamenti di un popolo bigotto, ancorato ad antiche tradizioni e vecchie credenze da non riuscire ad accorgersi degli orrori che si celavano nell'intimo della propria città. 🔹️ Cagliari è una città che amo moltissimo e che ogni anno ho la possibilità di visitare quando mi reco in Sardegna in vacanza. Rivivere i luoghi che conosco mi ha fatto sentire un pò a casa. Ho trovato veramente meravigliose le descrizioni di questa città e con la fantasia me la sono immaginata agli inizi del novecento. Un giallo che è mistero e suspense, segreti e corruzione,  ma che è anche un pò esotico e  profuma di mare, di sale, di bellezza. Una bella lettura che consiglio agli amanti del genere, di questa lettura ho apprezzato molto la sua freschezza e limpidezza a volte non facili da trovare nei gialli. 🔹️ Un finale che non mi è sembrato chiuso al 100%, e che mi fa immaginare e sperare di ritrovare presto  Clara Simon alle prese con un'altra investigazione..
 Aggiungi al carrello
 Aggiungi al carrello